016535682 - 0165060210 f.llicelesia@tin.it

CONSIGLI DEL MESE

Fratelli Celesia

MARZO – PREPARAZIONE DELLE PIANTINE

Procedere alla semina come indicato nel mese di Febbraio. Alla germinazione dei semi occorre seguire la crescita delle piantine con opportuni interventi di inaffiatura e concimazione. per quanto riguarda la concimazione, in genere i primi interventi sie seguono circa tre settimane dopo la germinazione dei semi. In caso di diffIcoltà di sviluppo o quando le piantine hanno un ciclo di coltivazione abbastanza lungo (per esempio peperoni e melanzane, da mettere a dimora sotto protezione già piuttosto sviluppati), si possono adoperare soprattutto fertilizzanti liquidi universali con microelementi, che è possbilie trovare facilmente presso le rivendite di articoli per il giardinaggio. In genere si distribuiscono tramite innaffiatura e per l’uso bisogna attenersi alle istruzioni allegate alle confezioni. E’ invece possibile adoperare concimi molto concentrati (soprattutto ad alto titolo di azoto) anche per evitare possibili danni da salinità alle piantine. Molta attenzione va poi prestata all’innaffiatura, che deve mantenere il terreno umido ma non bagnato. Meglio far soffrire un po’ le piantine che eccedere negli apporti d’acqua. Un’innaffiatura al giorno può risultare eccessiva, soprattutto quando le piantine sono in fase di germinazione e nelle prime fasi di crescita e/o nelle colture di finie inverno-inizio primavera. In estate possono invece essere necessari apporti più frequenti, eventualmente ripetuti (soprattutto nella delicata fase di germinazione), ma con quantità di acqua molto limitate, sempre rapportate alle temperature che si verificano nell’ambiente di coltivazione.
Marzo  è  un  mese  che  ci  permette  di aumentare  il  tempo  dedicato  al  nostro  orto. Le  temperature  sono  ancora  instabili  con la  possibilità  di  sbalzi  termici  e  per  questo motivo  si  deve  prestare  attenzione  alla tipologia  di  ortaggi  scelti  per  la  semina.  I lavori da fare sono l’arieggiatura delle serre e dei tunnel durante le ore più calde del giorno e l’eliminazione delle erbe infestanti presenti sul terreno.  In  caso  di  giornate  soleggiate  e con  temperature  più  alte  rispetto  alla  media stagionale  è  meglio  prestare  attenzione  a spinaci, rucole e ravanelli seminati all’aperto in  quanto  le  giovani  piantine  potrebbero essere  attaccate  dall’Altica  e  richiedere quindi  dei  trattamenti.  Se  la  vostra  zona è  soggetta  ad  attacchi  da  parte  di  questo insetto  l’ideale  è  proteggere  le  piantine  fin dal  momento  della  semina  con  tessuto  non tessuto  avendo  cura  di  lasciarlo  finché  le piante  non  raggiungono  medie  dimensioni. Nel Nord Italia, caratterizzato da un clima più rigido,  è  meglio  procedere  alle  semine  nella seconda  metà  del  mese,  mentre  al  Centro  e Sud Italia si può seminare già da inizio mese. Semine  indicate  sotto  tunnel  o  serra:  basilico, cavolo,  lattuga,  peperone,  pomodoro, porro,cetriolo,  zucchino,  sedano,  anguria,  carciofo, cardo,  carota,  melanzana,  melone  (anche  per  la produzione di piantine). Semine  indicate  in  pieno  campo:  aglio,  bieta  da costa, carota, cipolla, cicoria, pisello, cece, fava, prezzemolo, ravanello, rucola, spinacio, valeriana, anguria,  asparago,  bieta  da  orto,  arachide, cetriolo, fagiolo, lattuga, porro, zucchino. Irrigazione:  si  inizia  a  fare  anche  per  le  colture all’aperto oltre che per quelle sotto riparo. Concimazione:  distribuire  concime  minerale seguendo le indicazioni riportate in etichetta

E’ il mese ideale per tutte le semine degli ortaggi e la messa a dimora di molte piante preparate nei mesi precedenti in letti caldi o sotto vetro. E’ consigliabile intervenire contro le malerbe infestanti e le lumache. Si semina: angurie, basilico, carciofi, cavoli cappuccio, cavoli verza, cetrioli, indivie, finocchi, melanzane, peperoni, pomodori, porri, sedano, zucche, erbe aromatiche, barbabietole da orto, biete, carote, cicoria da taglio, cipolle lattughe, piselli, prezzemolo, rape, ravanelli, rucola, spinaci, zucchini. Piantagioni e trapianti: bulbilli di stoccarda, cipolle bianche, cipolle rosse, aglio rosso, aglio bianco, aglio scalogno.

 

Trapianto:

Concimazione:
sempre per chi non l’avesse mai fatto è utile distribuire letame, poi interrare il concime e muovere il terreno tramite vangatura

Semine indicate in pieno campo:

Semine indicate in pieno campo: aglio, cece, cipolla, porro.

Irrigazione:
da effettuare  se  le  piogge sono scarse.

Fratelli Celesia

QUESTO MESE NEL PRATO

Si proceda al riordino delle aiuole e delle siepe. Si possono seminare i tappeti erbosi. I tappeti erbosi già esistenti vengono arieggiati e concimati.

QUESTO MESE NEL GIARDINO

Si mettono a dimora i bulbi primaverili quali: amaryllis, begonie, agapanthus, alstromeria, calla, ciclamini, fresie, gipsophyla, mughetti, dalie, lilium, gladioli, peoni,e iris, gloxinie, dicentra, nerine. Si possono pianater gli arbusti da fiore e tutte le altre piante da giardino. Si completano le ultime potature e le concimazioni. Si possono seminare in piena terra: agerato, asparago, campanule, astri, zinnie, portulaca, alisso, garofani, petunie.

QUESTO MESE IN CANTINA

Mese ideale per l’imbottigliamento. Prestare attenzione alla manutenzione di tutte le varie atrezzature necessarie. Effettuare controlli sui vini ed intervenire, se necessario, per stabilizzare lo stato di salute.
Luna nuova: si consiglia di non lavorare alcun tipo di vino . Lasciarli riposare.
Luna primo quarto: si consiglia di lavorare ed imbottigliare vini frizzanti, poichè questo periodo ne garantisce una buona qualità.
Luna piena: periodo ottimale per la lavorazione di tutti i vini.
Luna ultimo quarto: periodo ottimale per l’imbottigliamento di vini dolci e destinati all’invecchiamento.

SPECIALITA’ DEL MESE

IL SOVESCIO

La fertilità del terreno può essere migliorata tramita la pratica del sovescio, ovvero la coltura, lo sfalcio ed il successivo completo interramento di determinate colture in un appezzamento. E’ molto utilizzata nell’agricoltura biologica perchè oltre ad aumentare la materia organica nel terreno, a seconda delle varietà che vengono utilizzate si può anche migliorare la struttura del terreno. L’utilizzo di leguminose favorisce inoltre l’incremento di azoto nel terreno , essendo tra le poche specie che sono in grado di fissare direttamente l’azoto dell’atmosfera.